Progetto per un nuovo spazio

Mondomangione_Bottega

Oggi MondoMangione conta più di 600 soci, 2 punti vendita, 6 soci lavoratori e due progetti di autoproduzione: un orto collettivo e un forno di comunità.

Scarica il dossier!

Scopri tutti i dettagli sul nostro nuovo progetto, leggi le analisi di bilancio e di spesa, scopri come contribuire e partecipare.

Consulta i materiali scaricabili

Scarica il modulo di sottoscrizione e il regolamento per i soci sovventori.

Produttori

Implementare le relazioni con i produttori sviluppando nuove forme di collaborazione.

Autoproduzioni

Confermarci come cooperativa che si prende carico di piccoli e grandi progetti di iniziativa individuale (come già fatto con OrtoMangione e il Pane dell’Orto).

Mangiare insieme

Sviluppare un servizio di gastronomia in un’ottica di economia circolare, per ridurre gli sprechi e aggiungere convivialità.

Divulgazione

Creare, attraverso la collaborazione con Officina Solidale, uno spazio di divulgazione e informazione sull’economia solidale e sul consumo consapevole.

Prezzi

Rendere più accessibili i prezzi dei nostri prodotti allargando la platea degli acquirenti e sviluppando nuove modalità di vendita collettive

Sostenibilità economica

Incrementare il fatturato per garantire la sostenibilità economica della cooperativa.

Dove siamo arrivati0%

Domande e risposte

Perché chiudiamo la bottega in centro?

Ci dispiace molto lasciare il centro storico, ma purtroppo da diversi anni il punto vendita di Via Pantaneto non è economicamente sostenibile. Quello di Montarioso invece (MoMaMarket) è in crescita, ma gli spazi limitati e gli orari di apertura ridotti limitano fortemente le sue potenzialità. Concentrarsi su un unico punto vendita fuori dal centro è una scelta che ottimizza le risorse e va verso una sostenibilità economica.

Perché abbiamo scelto lo spazio di Via Tolomei?

È un ampio fondo commerciale che soddisfa a pieno le nostre esigenze di spazio polifunzionale. È in una zona della città densamente popolata e facilmente raggiungibile.

A cosa serve l'investimento?

Serve a coprire le spese di ristrutturazione del nuovo spazio, oltre a quelle per l’allestimento del negozio e del punto gastronomia.

Come funziona la campagna da socio sovventore?

Si basa su un prestito sociale: ogni socio può versare una parte della quota, in base alle proprie possibilità. La restituzione della quota versata, con una remunerazione del 2,5% rispetto a quanto investito, avverrà in cinque anni, e potrà iniziare alla fine del terzo anno di attività. Informazioni più dettagliate le trovate nel dossier scaricabile dal sito, in questa pagina.

Entro quando devo versare?

L’obiettivo è arrivare a 244.000 euro di capitale raccolto e 120 soci sovventori entro il 01 ottobre 2022.

In quali tempistiche pensate di poter aprire il nuovo locale?

Se riusciremo a raccogliere il capitale nei tempi, pensiamo di aprire a fine estate.

Se dovessi versare la mia quota da socio sovventore, ma il progetto non dovesse realizzarsi, mi verrà restituita per intero?

Sì, le quote saranno restituite per intero se non verrà raggiunto il capitale necessario.

Perché non è stato chiesto un prestito alla banca piuttosto che fare una campagna?

Abbiamo chiesto un prestito a più banche come prima cosa, ma è stato rifiutato. Per questo abbiamo ritenuto opportuno unire le forze insieme ai soci.

Perché non è stato scelto un locale che non necessitasse di interventi di ristrutturazione?

È stata fatta una ricerca per eventuali alternative immobiliari, ma nulla soddisfaceva a pieno le nostre esigenze come lo spazio in Via Tolomei, per il quale in compenso siamo riusciti a trovare un ottimo accordo sull’affitto rispetto alla richiesta iniziale.

Quali sono i punti di forza e i vantaggi di questo nuovo progetto?

Prima di tutto il concentrare le energie sulla formula che negli anni si è rivelata più efficace, ma che per ragioni di limitatezza di spazi e risorse non si è potuta espandere, quella di coinvolgere una clientela variegata in un punto vendita facilmente raggiungibile tramite i nostri ordini collettivi e la spesa settimanale. In secondo luogo il poter trasformare i nostri prodotti tramite una gastronomia, attività pensata per ottimizzare risorse, ridurre gli sprechi e valorizzare le nostre autoproduzioni e il lavoro dei nostri produttori. Infine il creare uno spazio sociale nuovo, dove i soci possano essere coinvolti in attività e percorsi informativi legati ai valori della cooperativa.

Posso dividere la mia quota con qualcuno?

Sì, ma la quota dovrà comunque essere nominale, quindi il referente della quota dovrà essere uno solo dei due o più partecipanti.

Voglio dare il mio contributo al progetto ma non posso versare nessuna quota tra quelle indicate, come posso fare?

Parla di questo progetto alle persone che pensi potrebbero e vorrebbero contribuire! Ogni passaparola può portare a coinvolgere nuovi soci sovventori. Nella pagina dedicata al progetto sul nostro sito troverai tutti i materiali da fargli eventualmente visionare. Anche semplicemente portare amici e conoscenti in bottega e fargli conoscere la nostra realtà è sempre un’ottimo aiuto per crescere e coinvolgere nuovi soci e clienti.

Da chi è composto il gruppo che sta lavorando al progetto?

Da soci lavoratori della cooperativa, membri del consiglio di amministrazione, clienti di MondoMangione e soci di Officina Solidale.

Mi posso unire al gruppo?

Il gruppo è aperto, se vuoi portare un contributo scrivici a info@mondomangione.it